MIGLIO D'OROSAN GIORGIO A CREMANOVESUVIANO

Villa Bruno a San Giorgio a Cremano

Villa Bruno è senz’altro la principale o quantomeno la più nota, tra le trenta ville vesuviane di San Giorgio a Cremano, che rientrano nella lista del Miglio d’Oro.
Costruita nel settecento grazie alla famiglia Pignatelli di Monteleone, fu venduta poi ai Lieto che la tennero fino al 1816, quando passò alla famiglia Righetti.
Coi Righetti la villa divenne sede dell’omonima fonderia, nella quale furono realizzate diverse statue equestri in bronzo ai regnanti Borbone, collocate poi in piazza del Plebiscito a Napoli. Per questo motivo la zona è ancora nota come “Cavalli di Bronzo”. Della stessa fonderia è il Pulcinella che ancora oggi presiede il cortile d’ingresso.
Il nome della Villa è legato però alla famiglia Bruno, che vi entrò nel 1877 e vi instaurò una vetreria attiva fino al 1980, quando diverse ville di San Giorgio furono assegnate al comune.

La villa ha in ingresso un vasto cortile lastricato sulla via Cavalli di Bronzo, dopo quello il vestibolo con la statua di Giove dove partono le scale che conducono al piano superiore, con ambienti ornati da affreschi e una terrazza panoramica con vista verso il Vesuvio e un busto di San Gennaro benedicente. Sul lato sinistro rispetto all’ingresso c’è invece ancora la struttura della fonderia Righetti.

villa bruno

Stupendo il parco della villa che si estende nella zona retrostante all’edificio. Dopo aver superato l’atrio di accede ad esso. Un viale pavimentato in tufo giunge fino ad una nicchia, rilevando quello che è l’asse principale del giardino. Sul lato destro vi era un tempo presenta un’esedra semicircolare con statue, attualmente sostituita da un’arena dedicata a Nino Taranto, dove si tengono eventi patrocinati dal Comune.
Sul lato sinistro del giardino c’è principalmente manto erboso e un tempo vi era una serra in vetro, ora in cattivo stato.

villa bruno

Villa Bruno è oggi centro culturale di San Giorgio a Cremano. Oltre alla biblioteca cittadina posta sul lato sinistro dell’edificio e sede ospintante del Premio Massimo Troisi, anche diverse associazioni ed enti cittadini hanno sede lì. Nell’atrio alcuni locali ospitano la sede di “Casa Massimo Troisi“, dove Luigi, fratello di Massimo, ha allestito ambienti con oggetti appartenuti al comico di San Giorgio a Cremano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *