Raffaele Viviani: il bambino prodigio che incantò Napoli

Raffaele Viviani (Viviano all’anagrafe) nato a Castellammare di Stabia il 10 gennaio del 1888, è stato senza dubbio alcuno uno dei più illustri artisti che la nostra terra ci abbia mai donato. Nelle molteplici vesti di attore, commediografo, compositore, poeta e scrittore, ha lasciato un segno indelebile nel panorama teatrale partenopeo ed italiano.

Figlio di un vestiarista teatrale, diventato in seguito impresario dell’Arena Margherita di Castellammare di Stabia, si trasferì a Napoli con la sua famiglia. Nella città napoletana il padre fondò alcuni teatrini chiamati “Masaniello”, teatri popolarissimi che costituirono di fatto la prima scuola d’arte del piccolo Raffaele.

raffaele viviani

L’ amore per il teatro e l’arte in generale spingevano “Papiluccio” (così veniva appellato dai suoi genitori ) a trovare il piacere ludico, che altri bambini cercavano nel gioco, nelle rappresentazioni teatrali, ovunque essere avvenissero. E così Raffaele la sera accompagnato dal padre si recava al teatrino di marionette a Porta San Gennaro, ad assistere alle avventure di Orlando e di Rinaldo, restando letteralmente affascinato dal numero finale del tenore comico Gennaro Trengi. Il “rito serale” si ripete’ così tante volte che presto imparò tutto il suo repertorio a memoria ed inconsapevolmente ciò segnò il suo percorso di vita.

Un giorno infatti, il Trengi si ammalò e diede forfait. Così, Aniello Scarpati impresario del teatrino, preoccupato dal dover restituire i soldi del biglietto a tutti gli spettatori, propose in maniera coraggiosa di affidare quell’esigente pubblico proprio al piccolo Raffaele Viviani.
Ebbene sì! Papiluccio a soli quattro anni e mezzo si ritrovò ad affrontare lo sguardo ed il giudizio di centinaia di persone.
La Storia avvenire testimonia quanto quella scommessa di Scarpati fu vinta. Aveva inconsciamente puntato su un “cavallo di razza”, un cavallo vincente, di quelli che raramente si osservano.

“A rumba de scugnizzi” tratta da “L’ultimo scugnizzo” di Raffaele Viviani

Fu un grande successo! Ogni sera accorreva sempre più gente per applaudire il piccolo Raffaele Viviani che indossava l’abito di un “pupo”  che la madre aveva accuratamente raffazzonato alla meglio. Il Trengi perse praticamente la parte, la stampa inizio’ ad occuparsi del piccolo grande prodigio che “canta canzoni a quattro anni e mezzo”.

Un bambino prodigio che da quel momento, salito su quelle “tavole” da cui non scese mai più, ha incantato i pubblici di tutta Italia regalandoci opere teatrali e poesie indimenticabili; opere che rendono orgogliosa la terra da cui tutto ebbe inizio quel 10 Gennaio del 1888…la terra del Vesuvio!

Ecco di seguito un’opera di Raffaele Viviani in versi…

CAMPANILISMO

Nu Milanese fa na cosa? embè,
tutta Milano: – Evviva ‘o Milanese!
È rrobba lloro e l’hann’ ‘a sustenè,
e ‘o stesso ‘o Turinese e ‘o Genovese.

Roma?: – Chisto è Rumano e si è Rumano,
naturalmente vene primma ‘e te.
Roma è la Capitale! E si è Tuscano,
Firenze ne fa subbito nu rre.

Si fa na cosa bona nu Pugliese?
Bari, cu tutte ‘e Puglie, ‘o ffa sapè.
Si è d’ ‘a Basilicata o Calavrese,
na gara a chi cchiù meglio ‘o po’ tenè.

È nu Palermitano o Catanese?
tutt”a Sicilia: – Chisto è figlio a mme!
Si è n’Umbro, Sardo, Veneto, Abruzzese,
‘a terra soia s”o vanta comme a cche.

Le fanno ‘e ffeste, aizano ‘o pavese:
senza suttilizzà si è o nun è.
Nun c’è nu Parmigiano o Bolognese
ca ‘e suoie nun s’ ‘o difendono; e pecchè

si è nu Napulitano, ‘a città soia,
‘o ricunosce e nun ce ‘o ddà a parè?
S”o vasa ‘nsuonno e nun le dà sta gioia.
E ‘e trombe ‘e llate squillano: «Tetèee!»

Qualunque cosa fa, siente: – «E ched’è?»
«’O ssaccio fà pur’io». «Senza pretese».
E chesto simme nuie. Dopo di che,
Nun se fa niente ‘e buono a stu paese?

E tu, Napule mia, permiette chesto?
Strignece ‘mpietto a te, figlie e figliaste.
Arapencelle ‘e braccia e fallo priesto:
avimm’ ‘a stà a «guaglione» e simmo maste.

T’avante ‘e vermicielle, ‘e pummarole:
mmescace pure a nuie si ‘o mmeretammo.
Che vvuò ca, cu stu cielo e chistu sole,
te dammo nu saluto e ce ne jammo?

Campanilismo bello, addò sì ghiuto?
facimmolo nuie pure comme a ll’ate.
si no p’ ‘a gente ‘e Napule è fernuto,
e nun sarrammo maie cunsiderate.

Talento ne tenimmo, avimmo ingegno:
nu poco sulo ca ce sustenimmo,
cunquistarrammo chillu posto degno
ca, pè mullezza nosta, nun tenimmo.

Quanno na cosa è bbona e è nata ccà,
nu milione ‘e gente l’ha da dì.
E vedarraie po’ Napule addò va,
cu tutto ca è ‘o paese d’ ‘o ddurmì.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *