Chiesa di Santa Maria del Pianto a Torre del Greco

La chiesa di Santa Maria del Pianto viene eretta successivamente alla pestilenza che aveva colpito Napoli e la sua provincia nel 1656, in un luogo che a quel tempo era fuori le mura della città e dove si trovava il cosiddetto “vallone” posto alle spalle del convento dei Carmelitani, l’attuale Museo del Corallo.
Lo scavo dietro alla chiesa del Carmine, aveva raccolto la maggior parte dei 1500 torresi che erano deceduti a causa della peste.

Nel 1664, anno di costruzione della piccola cappella, dove si celebravano le messe in suffragio dei deceduti per la peste fu posta sulla facciata della cappella una lapide:
D(EO) O(PTIMO) M(AXIMO) A DIO OTTIMO MASSIMO QUORUM VIVENTIUM AGLI OTTIMI CITTADINI SEPOLTI USI SUNT CONSUETUDINE NELLA FOSSA MENTRE INFURIAVA IIS IN PUTEO IL MORBO GLI ERCOLANESI CHE CON l. UE CRASSANTE TUMULATIS ESSI VISSERO IN COMUNITA’ D’AFFETTI, OPTMIS CIVIBUS GRATI GRATI, QUEST’EDICOLA DI PIETA’ HERCULANENSES CON PUBBLICO DENARO DEDICARONO HANC AEDICULA AM PIETATIS ERGO NELL’ANNO DEL SIGNORE 1664. P(ECUNIA) P(UB ICA A(NNO) D(OMINI MDCLXIV.

santa maria del pianto

La cappella fu colpita dalla lava del Vesuvio nell’eruzione del 1737 e rimase inagibile per diversi anni. Al di sopra della cappella, nell’anno 1742 fu costruita una chiesa che venne chiamata del Purgatorio, che successivamente a diversi ampliamenti e restauri nel settembre del 1919 fu nuovamente consacrata con l’antico nome di Santa Maria del Pianto.

Alla chiesa di Santa Maria del Pianto si accede tramite una scala a doppia rampa e la facciata è su due livelli con elementi di architettura tardo-barocca e neoclassica.
La parte interna della Chiesa si presenta con una sola navata e ha in una cappella a destra un dipinto simile a quello di Giordano, conservato nella chiesa omonima di Napoli, che rappresenta “San Rocco che intercede presso Gesù per gli appestati torresi”.

Purtroppo non è possibile accedere nella zona sottostante la chiesa, dove ci sono i resti di quel tragico evento del 600.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *